Il paradiso delle discoteche

Da Internazionale

Tra gli anni ottanta e i primi novanta le periferie italiane hanno ospitato enormi discoteche che sono state al centro della vita mondana.

Nate nel periodo del boom economico, erano ispirate al lusso e al divertimento e arredate con statue greche, finto marmo e sale futuristiche. Ma quando verso la metà degli anni novanta il centro delle città ha cominciato a riempirsi di piccoli bar e locali che proponevano concerti dal vivo e dj set, questi grandi spazi hanno perso ogni attrattiva.

Il progetto Paradise discotheque del fotografo torinese Antonio La Grotta (1971) ritrae alcuni di questi spazi, un tempo protagonisti della scena notturna italiana e oggi quasi completamente abbandonati e distrutti, o diventati rifugio per i senza fissa dimora.

Quasi tutte le discoteche fotografate da La Grotta sono state costruite negli anni ottanta, a eccezione del Woodpecker sorto negli anni sessanta su un progetto dell’architetto Filippo Monti.

Vedi le foto di Antonio La Grotta 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close